Print Friendly

Etichetta verde per i pneumatici

di
 marcello

Dal primo novembre 2012 verrà introdotta per i fabbricanti di pneumatici l’etichettatura che prevede una scala di valutazione, la quale prenderà in considerazione efficienza energetica, comfort acustico e tenuta di strada sul bagnato dei loro prodotti.

Per un acquisto sempre più consapevole da parte dei consumatori e per soddisfare la richiesta imposta dall’Unione Europea di ridurre la produzione di CO2 del 20% entro il 2020, i produttori e venditori di pneumatici dovranno fornire, dunque, informazioni in maniera chiara e trasparente sulle varie tipologie di coperture in vendita per tutti i mezzi di trasporto: dalle auto ai veicoli commerciali leggeri e pesanti, ai rimorchi e semirimorchi (classi C1, C2 e C3).

A tal fine verrà applicata ai pneumatici immessi sul mercato una targhetta adesiva, simile a quella attualmente utilizzata per la classificazione degli elettrodomestici, che riporterà tre scale di valori:
La prima misurerà le qualità ecologiche del prodotto e la sua efficienza di rotolamento (risparmio di carburante e dunque diminuzione della produzione di CO2); la seconda riporterà i risultati dei test di frenata su fondo bagnato; la terza sarà relativa alla rumorosità (espressa in Decibel).
Le prime due scale hanno una gradazione che va dalla lettera “A” fino alla “G”
e quella relativa al consumo energetico sarà affiancata da fasce colorate che partono dal colore verde (classe A) fino ad arrivare al rosso (classe G). La terza, invece, è rappresentata da un altoparlante che emette “onde” nere e bianche che simboleggiano chiaramente la rumorosità prodotta dal pneumatico. In questo modo, ha affermato Ivo Belet, eurodeputato belga che ha seguito i negoziati con il Consiglio dei Ministri per conto dell’assemblea di Strasburgo, “La Commissione ha calcolato che si risparmieranno da 1,5 milioni a 4 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, che è come avere da mezzo milione a tre milioni in meno di macchine sulle strade all’anno. Ricordiamoci che le ruote sono responsabili del 20-30% delle emissioni di una macchina. Senza dimenticare i benefici sul portafoglio dei consumatori, che potrebbero spendere fino al 10 % in meno in benzina“.

Categorie:
, , ,

GUARDA ANCHE

ULTIME DISCUSSIONI DAL FORUM

  • GIOMA® pubblicato il: 3 December 2016 | 5:53 pm Partecipa alla discussione »

    Winter Test Pneumatici Invernali a confronto

    Guarda il video che spiega le modalità del test effettuato su 5 pneumatici invernali Test 5 pneumatici invernali 225/40 R18 provati su neve, bagnato e asciutto con una Peugeot 308 GT su cercgi in lega ALCAR modello TH Dark 8jx18″. Risultati: http://www.newsauto.it/?p=80516/ Marche e modelli pneumatici: Bridgestone Blizzak LM001; Continental WinterContact TS 850P; Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1;Hankook Winter I’cept Evo 2 W320; Michelin Pilot Alpin PA4 Risultati completi ed analisi dati su Elaborare n° 221 https://goo.gl/oNSM7S (neve) e n° 220 (asciutto e bagnato) h5aSXq7GZ5M

  • xkickass pubblicato il: 30 November 2016 | 1:53 pm Partecipa alla discussione »

    Cerchi invernali Clio 3

    Salve a tutti, che gomme invernali mi consigliate per una Clio 3 1.5 DCI 63 kw ( 185/60R15 ) Abito in provincia di Roma, quindi c'è pioggia, ghiaccio ma quasi mai neve. Io avevo visto le seguenti (in ordine di preferenza): Nokian Wr D4 - 230€ Dunlop Sp Winter Response 2 - 247€ Goodyear Ultragrip 9 - 244€ Michelin Alpin A4 - 257 € (queste mi convincono poco per il mio uso) Oppure, facendo prevalere leggermente la qualità/prezzo a discapito della qualità complessiva: Toyo Snowprox S 943 - 196€.

GUIDA AL PNEUMATICO