GT Motorsport TuningTUNING

Tuning a tutti i costi – Sfogo passionale

Tuning a tutti i costi!

 

di Guido Mazzocchi – Guidonia (RM)

 

Seguo la vostra rivista costantemente da poco più di un anno, più o meno da quando ho ricevuto la patente. Penso che il vostro lavoro sia davvero costruttivo per chi nutre amore verso le quattro ruote, e sto cercando in voi una specie di “avvocato difensore del tuning”. Vi spiego perché: ho 19 anni e ho sempre avuto tanta passione per correre, accelerare e sgommare. A 15 anni ho modificato il mio SR 50 (anzi, diciamo 90!), riuscendo a fargli raggiungere i 130 all’ora… Provengo da una famiglia abbastanza agiata e fortunatamente non mi è mai mancato nulla: i miei genitori divorziati hanno sempre provveduto a non farmi mancare niente, spronandomi anche verso qualsiasi interesse io avessi mostrato… ma. C’è un ma. A 16 anni avrei potuto scegliere tra equitazione o golf, l’uncinetto o l?aerobica, avrei pure potuto fare un corso di bestemmia urlata per loro… ma volevo correre con la macchina: no. Neanche morto. Non che avessi queste velleità da novello Schumacher o Melandri ma sarebbe stato il mio sogno, e la risposta sempre più perentoria è stata no. Io però non ci sto e da quando mio padre ha saputo di questa “deviazione”, vivo in una situazione assurda, paradossale: posso acquistare tutti i vestiti che voglio, posso uscire e bere quanto mi pare (portando gli scontrini), posso comprare tutti i pezzi del computer che mi servono e iscrivermi in palestra, ma non più di un pieno a settimana e zero lire per spese inerenti alla vettura (neanche bollo e assicurazione)… ma perché? perché? ?Perché non devi fare il matto ? mi dicono- non voglio che mi telefoni a casa il coroner (medico legale), non ci pensi agli altri?? Ecc. ecc.
Ma io mica voglio imboccare l’autostrada contromano, voglio solo personalizzare la mia auto nei limiti del possibile e del legale. Per giunta il 19 gennaio 2000, per colpa di un incosciente (e di un eccesso di velocità nell’ordine dei 20 km/h), ho sfasciato completamente la Mégane Coach 1.6, abbracciando un palo e facendo quattro capriole. E nonostante il braccio rotto, l’umore ?stratosfericamente? aggressivo e l’impossibilità di trovare una soluzione, mio padre non mi ha risparmiato la classica telefonata da 300 e passa chilometri solo per dirmi: “Te l’avevo detto io… sei contento adesso?”.
Ma io non mi arrendo, ho lavorato duro tutta l’estate e mi sono comprato una fantastica quanto incompresa Mazda MX-3 V6, e anche se per questo gioiello i pezzi non si trovano o si dovranno importare dall’America, io la curerò a costo di rivendermi i jeans dopo averli comprati.

 

 

 Tuning a tutti i costi

Articoli Collegati

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare