GT Motorsport TuningMOTORSHOW

Gare_Racing_Motorshow_2006

Nella giornata che ha visto rinnovarsi l’abbraccio del pubblico del Motor Show alla Ferrari Formula 1 con tutta la squadra di Maranello schierata per assistere Marc Genè nella sequenza di giri veloci e Pit-Stop, la Shell Arena ha riservato spettacolo anche grazie ad una nuova serie di gare ed esibizioni. In pista le potentissime Formula GP2, i trofei monomarca Mazda RX8 Cup e Renault Clio Cup e le esibizioni del Fast & Furious Toyo Drift e dell’Eastpak Freestyle Show.

Ovazione del pubblico che ha completamente riempito le tribune della Shell Arena, per il Ferrari F.1 Pit Stop, quando il propulsore 8 cilindri della 248 F.1 ha riempito l’aria con l’inconfondibile rombo. Il pilota Marc Genè ha compiuto alcuni giri veloci sulla pista del Salone Internazionale dell’Automobile di Bologna, perfettamente coadiuvato dagli uomini della squadra protagonista del Campionato del Mondo, che a tempo di record hanno effettuato alcuni cambi gomme sulla monoposto. La splendida Magda Gomes, madrina del Motor Show 2006, ha consegnato alla squadra di Maranello una targa ricordo per il record nell’esecuzione del pit stop.

Potenze da 600 cavalli e controsterzi controllati al millimetro dai sei piloti in gara per la GP 2. Le monoposto, al loro esordio al Motor Show, hanno subito catalizzato l’attenzione della platea, con le tribune della Shell Arena prese d’assalto da migliaia di appassionati. La prima delle due sfide, cinque duelli, ha visto elevarsi il 20enne giapponese Kohei Hirate, vincitore della sfida con il venezuelano Pastor Maldonado, tradito da un testacoda galeotto nella seconda manche e primo in entrambe le sfide contro lo spagnolo Borja Garcia.
La seconda gara, nel pomeriggio, con altre cinque sfide che ha di nuovo espresso il potenziale delle Dallara motorizzate Renault, ha invece visto portarsi al comando della classifica provvisoria, con sei punti, l’austriaco Patrick Friesacher seguito da Hirate e Viso con quattro punti. Domani la terza ed appassionante gara con le ultime finali.

Il Trofeo Mazda RX-8 Cup, che proprio al Motor Show ha chiuso la sua carriera agonistica come trofeo monomarca, ha rivelato ancora una volta il proprio carattere di qualità con vetture e piloti davvero bravi ad esaltare il pubblico. La vittoria dell’edizione 2006 è andata al gentleman piemontese Massimiliano Fissore, ex rallista di talento, davanti a Vittorio Belumè, mentre terzo ha concluso Luciano Sio, in entrambe le occasioni davanti ad un deciso Giovanni Mezzasalma, esordiente nella serie, protagonista di alcuni passaggi spettacolari.

Curve di traverso, cordoli su tre ruote, staccate al limite dell’aderenza. Tutto questo è stata la sfida della Renault Clio Cup, che già dalla mattina, con le nuove Renault Clio da 2000cc, ha espresso un grande potenziale. Frizzanti e ricche di emozione le due semifinali, altrettanto fantastiche le finali. Il duello per la vittoria, tra il cesenate Andrea Pedrini ed il reggiano Alessandro Bonacini è stato spumeggiante. Con la classica formula dell’andata-ritorno, due manche di tre giri ciascuna per eleggere il trionfatore della Shell Arena, rivelatosi poi Bonacini con un vantaggio totale di un solo centesimo sul rivale, al termine di una finale incandescente. Nicola Baldan e Roberto Gentili si sono giocati invece la terza piazza: l’ha spuntata il primo, dopo una corsa molto equilibrata, mentre all’altro è andata la soddisfazione del giro più veloce nella prima tornata di questa gara.

Piloti che arrivano dai quattro angoli del globo, numeri da capogiro sempre più difficili, sempre più in alto. Nel Freestyle ogni gara, ogni “contest”, fa classifica alla fine dell’anno, ma vincere al Motor Show ha un sapore tutto particolare, per questo ognuno dei funamboli dell’Eastpak Freestyle Show che anche oggi hanno sfidato la forza di gravità, si sono esibiti in “numeri” di alta scuola, in uno spettacolo unico, magico. Stellare. Che ha tenuto incollato il pubblico alle tribune dal primo all’ultimo salto. Oggi il più acclamato, quindi il vincitore, è stato lo spagnolo 19 enne di Siviglia, Dani Torres, davanti al californiano Willy Fulmer, il trionfatore di ieri. Applausi scroscianti anche per i colori italiani, il bellunese Alvaro Del Farra, terzo con grande merito in un contesto di grandi campioni.

Che spettacolo sia, con il Fast and Furious Toyo Drift. I re del controsterzo, dell’emozione allo stato puro con le quattro ruote, per la prima volta al Motor Show, hanno saputo regalare momenti di grande emozione, con le Nissan Skyline a trazione posteriore ovviamente predisposte per questo genere di disciplina. I due drifter scesi in pista, l’olandese Paul Vlasblom e l’inglese Julian Smith (lo stuntman che ha partecipato al film “Fast and Furious Tokyo Drift”) hanno fatto conoscere al grande pubblico della Shell Arena questa specialità che sta prendendo piede anche in Italia e che proprio con il Motor Show sta conquistando una grande visibilità.

Il Motor Show 2006, intanto, ha appena concluso la sua seconda giornata di gare ed un nuovo appuntamento con lo spettacolo nella Shell Arena è previsto a partire dalle 9.00 di domani. Il primo semaforo verde scatterà sul Ferrari Challenge Trofeo Pirelli Coppa Shell con le velocissime F430 del cavallino rampante pronte a regalare emozioni grazie agli specialisti della categoria. I protagonisti della GP2 affronteranno le fasi finali della gara che per la prima volta incoronerà un campione Motor Show per la serie riservata ai giovani fuoriclasse pronti per il salto in Formula 1. Continuano anche domani le coreografie aree con i funamboli a due ruote dell’Eastpak Freestyle Show ed i controsterzi a ruote fumanti del Fast & Furious Toyo Drift l’appuntamento che ha segnato il debutto nella Shell Arena per il Drifting, mentre gli appassionati di motociclismo potranno gustarsi il Barclaycard Superbikers. In sella alle supermotard saranno, infatti, i massimi centauri della scena internazionale come l’amatissimo Max Biaggi, lo spagnolo Carlos Checa e gli emergenti Alex De Angelis (3° Mondiale 250), Andrea Dovizioso (2° Mondiale 250) e Alessandro Polita (1° Mondiale Superstock).

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Guarda anche
Close
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare