!GT Motorsport TuningAUTO NEWS GOSSIPFORMULA 1

Jenson Button campione del mondo F1 2009

JENSON BUTTON!

 

In Brasile con il 5° piazzamento Jenson Button, ha vinto il titolo mondiale della Formula 1 e la BrawnGp quello costruttori con una gara di anticipo. La carriera agonistica completa.

 

Nella gara di Interlagos, vinta dall?australiano della Red Bull Mark Webber, il britannico centra il primo titolo iridato della carriera dopo esser partito dalla quattoridicesima posizione nella griglia di partenza. Mondile costruttori alla Brawn GP, la prima volta di una scuderia al debutto. Un piazzamento sufficiente per rendere incolmabile il divario con il rivale diretto per il mondiale e compagno di squadra Rubens Barrichello.

Barrichello è scattato dalla pole ma una foratura a otto giri dalla fine lo ha relegato all?ottavo posto e gli ha impedito di tenere aperto il mondiale. Sul podio di una gara ricca di colpi di scena Robert Kubica con la Bmw e il campione del mondo uscente Lewis Hamilton (McLaren). Molti contatti e due incidenti al via del Gp del Brasile, con tanto di brivido ai box e safety-car subito in pista. Ai box, la McLaren-Mercedes del finlandese Heikki Kovalainen ha trasciato via il tubo utilizzato per inserire il carburante nel serbatoio. La benzina seminata dalla monoposto ha preso fuoco al passaggio della Ferrari di Kimi Raikkonen. Al primo giro sono stati costretti ad abbandonare la gare la Renault di Fernando Alonso, la Toyota di Jarno Trulli e la Force India di Adrian Sutil. Il pilota italiano si è poi lamentato plate per il comportamento del driver tedesco: l?abruzzese ha affrontato a brutto muso Sutil prima di rientrare ai box.

Button ha vinto matematicamente il suo primo titolo iridato grazie ai punti ottenuti con il quinto posto conquistato nel Gp del Brasile. L’inglese ad una gara dal termine ha 89 punti contro i 74 del tedesco della Red Bull Sebastian Vettel e i 72 del compagno di squadra Rubens Barrichello.

ROSS BRAWN: «VITTORIA MERITATA» – Ross Brawn festeggia. Il boss dell’omonima scuderia, nata dalle ceneri della Honda, porta a casa il titolo costruttori e quello piloti con Jenson Button. «Ce lo siamo meritati – dice – ci siamo riusciti. Ci vorrà del tempo per capire quello che abbiamo fatto. Devo dire che abbiamo avuto qualche problema solo nelle qualifiche, ma per il resto siamo andati molto forte».

 Jenson Button Campione del Mondo Formula 1

Jenson Button Campione del Mondo Formula 1 2009

Sito Ufficiale di Jenson Button

 

Ordine di arrivo Gran Premio del Brasile

1       M. Webber      Red Bull           1:32:23.081
2       R. Kubica     BMW         + 7.626
3       L. Hamilton     McLaren         + 18.944
4      S. Vettel     Red Bull         + 19.652
5      J. Button     Brawn GP         + 29.005
6      K. Räikkönen     Ferrari         + 33.340
7      S. Buemi     Scuderia Toro Rosso         + 35.991
8      R. Barrichello     Brawn GP         + 45.454
9      H. Kovalainen     McLaren         + 48.499
10     K. Kobayashi     Toyota         + 1:03.321
11     G. Fisichella     Ferrari         + 1:10.665
12     V. Liuzzi     Force India F1         + 1:11.388
13     R. Grosjean     Renault         + 1 giri
14     J. Alguersuari     Scuderia Toro Rosso         + 1 giri
Ritirati
15     K. Nakajima     Williams         + 41 giri
16     N. Rosberg     Williams         + 44 giri
17     N. Heidfeld     BMW         + 50 giri
18     A. Sutil     Force India F1         + 71 giri
19     J. Trulli     Toyota         + 71 giri
20     F. Alonso     Renault         + 71 giri

 

Classifica Piloti Formula 1 2009 

1     Jenson Button (BrGP)     89
2     Sebastian Vettel (Red B)     74
3     Rubens Barrichello (BrGP)     72
4     Mark Webber (Red B)     61.5
5     Lewis Hamilton (McL)     49
6     Kimi Raikkonen (Fer)     48
7     Nico Rosberg (Wil)     34.5
8     Jarno Trulli (Toy)     30.5
9     Fernando Alonso (Ren)     26
10     Timo Glock (Toyota)     24
11     Felipe Massa (Fer)     22
12     Heikki Kovalainen (McL)     22
13     Robert Kubica (BMW)     17
14     Nick Heidfeld (BMW)     15
15     Giancarlo Fisichella (FI)     8
16     Adrian Sutil (FI)     5
17     Sebastien Buemi (T.Ro)     2
18     Sebastien Bourdais (T.Ro)     2
19     Nelsinho Piquet (Ren)     0
20     Kazumi Nakajima (Wil)     0
21     Jaime Alguersauri (T.Ro)     0
22     Romain Grosjean (Ren)     0
23     Luca Badoer     0

 

La carriera di Jenson Jenson Button campione del mondo F1 2009

Le formule minori – Figlio di John Button, pilota di rally fin da piccolo Jenson fu indirizzato verso il mondo dei motori. A otto anni cominciò a correre nei karting e nel 1991, a undici anni, vinse tutte e 34 le gare del campionato cadetto, oltre al titolo.[1] Dopo questo successo l’inglese continuò a vincere, arrivando a divenire il più giovane pilota a conquistare il titolo europeo del campionato Super A nel 1997. L’anno seguente Button passò alla Formula Ford, partecipando sia al campionato inglese che a quello europeo, arrivando rispettivamente primo e secondo, contando anche un vittoria nel Festival della Formula Ford. Passato alla F3 inglese nel 1999 il pilota giunse terzo in campionato, contando anche un secondo posto al Gran Premio di Macao.

L’esordio in F1 con la Williams – Dopo aver testato in inverno per McLaren e Prost Jenson Button venne assunto dalla Williams in sostituzione di Alessandro Zanardi e dopo aver vinto un confronto con Bruno Junqueira. L’esordio Formula 1 avvenne al Gran Premio d’Australia, quando l’inglese aveva vent’anni, divenendo il terzo più giovane debuttante nella storia del mondiale di F1. Disputò una buona stagione, ottenendo punti già dal secondo Gran Premio, concludendo la stagione all’ottavo posto e sfiorando il podio in Germania.

Passaggio in Benetton e gli anni in Renault alla guida della Benetton nel 2001 –  Ancora sotto contratto con la Williams, nel 2002, l’inglese guidò per la Benetton, ma la stagione fu negativa e Button non andò oltre un quinto posto conquistato in Germania. La stagione successiva la Benetton fu acquistata dalla Renault e i risultati migliorarono, tanto che l’inglese arrivò quasi a podio in Malesia, venendo passato all’ultimo giro da Michael Schumacher e ottenendo spesso prestazioni migliori rispetto al compagno di squadra Jarno Trulli, ma per il 2003 Briatore lo sostituì con Fernando Alonso.

Trasferimento in BAR al Gran Premio degli Stati Uniti 2004 – Accasatosi alla BAR, nel suo primo anno non andò oltre un nono posto in classifica piloti. Principale causa di questo risultato furono alcuni ritiri e, soprattutto, una vettura che non poteva competere con Ferrari, McLaren e Williams. Nel 2004 Button ottenne i suoi risultati migliori, con la conquista di una pole position a Imola e ben 10 piazzamenti a podio, di cui quattro secondi posti e sei terzi, che gli permisero di finire il campionato dietro Michael Schumacher e Rubens Barrichello.

Button in Canada nel 2005 dove ottenne la pole position – Il 2005 fu invece un anno più difficile. L’inizio di campionato fu duro e venne macchiato anche da una squalifica a Imola a causa dell’irregolarità dei serbatoi. La prima parte di stagione si concluse in un disastro per il team inglese, senza nessun punto conquistato. A partire dal Gran Premio di Francia i risultati cominciarono ad arrivare e Button riuscì ad arrivare due volte sul podio concludendo il campionato in nona posizione.
L’arrivo della Honda e la nascita della Brawn GP

Button impegnato al Gran Premio del Canada 2008 – Nel 2006 le azioni della BAR vengono acquisite dalla Honda e a differenza dell’anno precedente, questo vide un inizio di campionato buono, con la conquista, nei primi due appuntamenti mondiali di un podio e un quarto posto, a cui fecero seguito due piazzamenti a punti nelle quattro gare successive. A partire però da Monaco fino al Gran Premio di Francia si su susseguirono ritiri e piazzamenti fuori dalla zona punti, interrotti da un quarto posto al GP di Germania. Una settimana più tardi, il 6 agosto,l’inglese ottenne la sua prima vittoria in Formula 1 a Budapest, dopo una gara che ha visto andare fuori scena i principali protagonisti del mondiale Fernando Alonso e Michael Schumacher. Terminò poi la stagione arrivando sempre nei primi dieci con un sesto posto finale.
Nel 2007 però a causa delle difficoltà della Honda, Button non è riuscito ad ottenere prestazioni di buon livello, eccezion fatta per il G.P. della Cina, dove ottiene un buon piazzamento grazie alla strategia ai box.
Nel 2008, le cose sono andate peggio sia per il team che per il pilota inglese, il quale è riuscito a racimolare solo 3 punti giungendo al 6° posto nel Gran Premio di Spagna.
A fine stagione la Honda annuncia il suo clamoroso ritiro dalla Formula 1 e per un po’ Button si ritrova senza scuderia, tant’è che si teme la possibilità di un suo anno sabbatico. Il 6 marzo 2009 viene ufficializzata la nascita del team Brawn GP, nato dalle ceneri della ex Honda e rilevato dall’ex direttore tecnico Ross Brawn. Alla guida delle due monoposto vengono confermati Jenson Button e Rubens Barrichello.
Jenson Button guida la Brawn GP al Gran Premio della Malesia 2009.
Il 28 marzo in Australia nell’Albert Park, Button conquista la prima pole position per la Brawn GP alla prima gara disputata da questa scuderia. Tra l’altro, l’ultima pole l’inglese l’aveva fatta registrare sempre qui in Australia nel 2006. Vincerà autorevolmente la gara il giorno successivo. La settimana successiva, il 4 aprile, nelle qualifiche ufficiali del Gran Premio della Malesia, conquista la quinta pole position della carriera, la seconda consecutiva con la Brawn GP. Il giorno dopo, la gara viene sospesa al 32esimo giro, permettendo così a Button di conquistare la vittoria a punteggio dimezzato. Fra l’altro, in questa gara, Button ha anche fatto registrare il suo primo Hat Trick della carriera, ovvero vittoria, Pole e giro veloce. Seguono poi un terzo posto in Cina e ben 4 vittorie in Bahrain, Spagna, Monaco e in Turchia. Dopo questo Gran Premio il pilota britannico cala notevolmente di rendimento ma riesce ugualmente ad andare a punti piazzandosi sesto in Gran Bretagna, quinto in Germania,e settimo in Ungheria e a Valencia. Non va a punti per la prima volta nella stagione in Belgio, essendosi ritirato a pochi secondi dal via a causa di un incidente. Ritorna sul podio nel Gran Premio d’Italia 2009, giungendo secondo dietro il suo compagno di squadra, Rubens Barrichello. Nella gara notturna di Singapore riesce ad ottenere il 5° posto, mentre in Giappone arriva al limite della zona punti, in 8° posizione. Nel Gran Premio del Brasile, penultima gara della stagione,conquista il suo primo campionato del mondo piloti,insieme al suo compagno Rubens Barrichello ha conquistato il Titolo Costruttori con la Brawn Gp al suo esordio.

 

 

Jenson Button Camione del Mondo di Formula 1 2009

 

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare