ACCESSORI RICAMBI

Nuova pinza Tarox B33

Una pinza di classe!

 

Tarox ha in catalogo una nuova pinza a 6 o 10 pompanti per dischi da 325 a 335 mm di diametro

 

Ha debuttato in questi giorni la nuova pinza B33 ideata per dischi dal diametro compreso tra 325 mm e 335 mm, ideale quindi per campionati come il BTTC inglese dove il massimo diametro consentito per i dischi freno è limitato a 330 mm. Come tutte le altre pinze Tar-Ox, anche la B33 è ricavata dal pieno con macchine a controllo numerico per offrire il miglior rapporto tra peso e robustezza. Disponibile nella versione a 6 pistoni (Evo 6) e in quella a 10 pompanti (Evo 10), è stata progettata per essere utilizzata in ogni competizione (gare in salita, sprint, endurance, rally). L'esclusivo sistema Tar-Ox di protezione delle camere dei pistoni evita l'infiltrazione di agenti esterni (polvere, fango, ecc.) e, contrariamente ai prodotti analoghi offerti dalla concorrenza, non richiede alcuna revisione a meno di eventi traumatici come gli incidenti. Il fatto che sia costruita e assemblata in piccoli lotti interamente all'interno degli stabilimenti Tar-Ox permette un immediato travaso nel ciclo di produzione di qualsiasi miglioramento ed evoluzione tecnica realizzata in fase progettuale, secondo uno dei pilastri della filosofia costruttiva Tar-Ox. Sebbene inizialmente sia concepita per le competizioni, la pinza B33 è ideale anche per l'uso stradale sportivo e costituirà il nuovo "default" per tutti i kit di trasformazione Tar-Ox con dischi di diametro intorno ai 330 mm.

 

Tarox

 

 

Tarox B33
Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Guarda anche
Close
Back to top button
Close