ACCESSORI RICAMBI

Brain Kat

I catalizzatori sportivi metallici a 200 celle Brain permettono di diminuire la resistenza dell'aria e quindi di aumentare le prestazioni. Svuotare il sistema di scarico originale eliminando il catalizzatore non solo costituisce un reato (in quanto operazione non legale) e rende l'auto altamente inquinante, ma peggiora sensibilmente le prestazioni. Infatti il sistema di scarico originale oppone al motore una certa contropressione, indispensabile per un efficiente funzionamento. Rimuovendo il catalizzatore si riduce drasticamente questa contropressione, col risultato di una perdita di carica fresca e quindi di prestazioni.

catalizzatori sportivi metallici a 200 celle Brain

catalizzatori sportivi metallici a 200 celle Brain

I catalizzatori di serie sono ceramici e dotati di 400 celle, e la loro sostituzione con un catalizzatore sportivo metallico a 200 celle Brain permette di diminuire la resistenza dell'aria e quindi di aumentare le prestazioni, senza perdere la contropressione necessaria. Inoltre i catalizzatori Brain, grazie ad un potere catalitico più elevato, non manda in recovery la centralina nei motori a doppia sonda lambda. 
Brain elabora anche i catalizzatori originali, sostituendo l'unità catalitica con una elaborata (a 200 o 100 celle), risaldando, sabbiando e verniciando il catalizzatore. Allo stesso modo Brain rigenera i catalizzatori esausti, ma non li elabora.

catalizzatori sportivi metallici a 200 celle Brain

catalizzatori sportivi metallici a 200 celle Brain

Brain – Tel. 0422/493176 – www.brainkat.netbrainkat@libero.it

 

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Back to top button
Close