auto preparateAuto SportiveSUPERCARTop Tuning auto elaborazioneTUNING

Gioca d’anticipo!

Un’auto preparata per le corse può anticipare il modello di serie? Certamente… e la futura Porsche 911 GT3 preceduta dall’agonistica versione “Cup” ne è l’esempio. E’ innegabile: l’auto simbolo della Porsche è solo la 911, un modello che relega gli altri della casa di Stoccarda in secondo piano. Giusto o sbagliato che sia, la realtà è questa e non c’è verso di far recedere chi sostiene ciò. L’antenata 356 di cui l’originaria 911 ha rappresentato l’erede naturale? Solo un VW Maggiolino in veste sportiva. La Boxster con motore centrale? Soltanto un riuscito remake della 550 con cui perse la vita il celebre attore James Dean a metà degli anni ’50. Per non parlare delle 914, 924, 944 e 928 realizzate oltre trent’anni fa per allargare l’offerta dei modelli e snobbate dagli intransigenti fan della 911 al pari delle più recenti Cayenne, Cayman e Panamera. La vera e unica Porsche è solo lei, in tutte le innumerevoli varianti ed elaborazioni da strada e da pista che ne hanno caratterizzato la lunga storia iniziata mezzo secolo fa. Due sono le caratteristiche che la rendono unica: il motore posteriore a sbalzo con architettura “boxer” e la carrozzeria “a goccia” che la rende inconfondibile anche a decine di metri. Naturalmente anche l’ultima versione messa in vendita a fine 2011, siglata 991 e totalmente rinnovata rispetto alla precedente 997, ricalca tali concetti compreso l’allestimento della versione GT3 Cup destinata all’omonimo campionato monomarca nato 15 anni orsono. In poche parole, un’elaborazione ufficiale destinata al solo uso agonistico, proposta ad un prezzo di circa 180.000 Euro tasse escluse a chi voglia cimentarsi in pista con la Porsche per definizione.

Porsche 911/991 GT3 Cup Porsche 911/991 GT3 Cup Carrozzeria e interni – Qualunque appassionato di auto da corsa sa che le vetture dei vari campionati monomarca derivano da un modello di serie regolarmente venduto al pubblico, e anche la nuova 911/991 GT3 Cup seguirà tali orme. L’uso del futuro è d’obbligo, poiché al momento della sua presentazione a fine 2012, la versione stock non era ancora in commercio e lo sarà solo nel corso di quest’anno. Un fatto insolito che, tuttavia, non ne impedirà la partecipazione al 911 GT3 Cup 2013 visto che si tratta di un challenge esclusivo Porsche, mentre per le versioni ulteriormente potenziate adatte alle varie competizioni GT3 internazionali contro le rivali di altre marche sarà necessario attendere l’uscita della versione di serie. Naturalmente dal punto di vista estetico, la GT3 Cup differisce dalla 991 di produzione per una nutrita serie di modifiche che la rendono adatta ad un utilizzo corsaiolo. All’esterno, infatti, la vettura è provvista di parafanghi opportunamente allargati, frontale con prese d’aria maggiorate, spoiler inferiore e canard alle estremità, nonché una coda con sottoparaurti ridisegnato munito di doppio scarico centrale e un grande alettone regolabile fissato sul cofano motore. I finestrini in materiale plastico trasparente, molte parti della carrozzeria in alluminio e nuove ruote ultralight da 18” consentono inoltre di risparmiare peso insieme alla rimozione degli arredi interni rimpiazzati dai soli componenti utili ad un uso agonistico. L’abitacolo infatti è in tipico stile racing con roll-bar a gabbia, sedile del pilota con estese protezioni per la testa, strumentazione digitale specifica e volante in pelle scamosciata antiscivolo.

Porsche 911/991 GT3 Cup

Porsche 911/991 GT3 Cup

Porsche 911/991 GT3 Cup

Il resto dell’articolo con tutti i dettagli e prestazioni della Porsche 911/991 GT3 Cup è su Elaborare 180.

Copertina Elaborare 180

Articoli Collegati

Close