LEGGI DECRETI EMENDAMENTI

Se omologhiamo in italia c’è più lavoro per tutti

Le omologazioni facciamole in italia! E’ l’allarme lanciato ai nuovi ministri al governo con Renzi che arriva dal mondo dell’automotive ed in particolare dal quello degli appassionati delle auto personalizzate con un mercato che offre tanto lavoro e traina anche l’economia e migliorano la sicurezza del mezzo. Vogliamo far morire pure queste passioni e far chiudere altre aziende, perdere ulteriori introiti per lo stato e mandare a casa altre persone? – FIRMA LA PETIZIONE link QUI
Questi accessori installati sulle auto vanno omologati qui da noi in Italia. Basta con questa storia della Germania, ormai da decenni unica strada per “regolarizzarsi”: la furba tedesca  “acchiappa” i soldi degli italiani ed omologa con le sue strutture (pubbliche e private) con un costo medio che si aggira tra i 2.000 e 3.000 euro a singola vettura.
Cosa chiediamo? Che l’Italia (politici e ministero) si svegli, cestinando la strada dei Decreti intrapresa (freni e ruote) che non hanno risolto nulla anzi complicato ancora di più le cose per scegliere una nuova forma di procedure omologative, copiando semplicemente quelle tedesche.
Sembra assurdo che in Italia non si riesca ad “omologare” con la stessa facilità con la quale si opera da sempre nella vicina Germania.
Cosa fare? Copiare la Germania e mettere a lavorare strutture pubbliche (Motorizzazioni e CPA) e strutture private (Dekra, TUv, Cetoc).
Questo significa più lavoro per tutti, per gli operatori del settore, per gli appassionati che rilanciano i loro entusiasmi e l’economia. Mettiamo fine a questa farsa delle omologazioni praticamente impossibili in italia ed in Germania consentite/organizzate molto meglio fermano questo flusso di denaro diretto verso la germania.
Su Elaborare4x4, nel settore off road abbiamo lanciato questo appello sul social network ed in un paio di aggiorni sono state ricevuti oltre 2.500 like (mi piace), oltre 1.000 condivisioni con una portata di oltre 100.000 persone che hanno visto il post.
Sul social di Elaborare (tuning) 610 condivisioni, oltre 1.000 mi piace, oltre 65.000 visualizzazioni di post. (dati in continua evoluzione).

FIRMA LA PETIZIONE link QUI
omologazioni-tuning-italia

Davide Costanzo Un sogno e desiderio di tutti in Italia da sempre.

Patrick Micca RENDIAMO UNA BUONA VOLTA QUESTO PAESE DI MOTORI LIBERO DA VINCOLI COSTRUTTIVI SIA X AUTO SIA X X MOTO….LIBERTA’ DI OMOLOGAZZIONE COME LO è IN TUTTO IL MONDO MOTORIZZATO…..!!!!

Daniel McBabe In un paese OTTUSO non c’è spazio ne per la fantasia, ne per la creatività, ne per la passione…..!

Fabrizio D’ovidio I soldi vanno alla merkel perché così vuole il nostro governo… A loro non importa …. Sempre MINIMO 10.000 € al mese prendono per farci fessi

Massimiliano Fabris Potremmo essere senza problemi i primi al mondo. potremmo omologare tramite le varie motorizzazioni ed invece ci tocca essere considerati dei fuorilegge

Michael Svensson Mastrogiuseppe avevo 21 anni quando ho iniziato con il TUNING, ora ne ho 39, avrò preso più verbali…. ed un ritiro di libretto. Nel 96-97 comperai la prima vostra rivista e così l’auto si evolse ulteriormente, con voi partecipai persino a degli eventi a Vallelunga….da allora son passati 15 anni e non ancora è cambiato un caxxo qui in Italia, la mia RS dorme in un capannone da un pezzo perché son stanco di vedere palette alzarsi ad ogni uscita! ciao, un abbraccio a tutti gli appassionati, tenete duro!

FIRMA LA PETIZIONE link QUI

Queste strutture/organizzazioni potrebbero in Italia svolgere il lavoro di omologazione attualmente spostato verso la Germania

dekra 179 logo    cetoc-omologazioni  ministero-dei-trasporti-e-delle-infrastrutture

Tuv-logo

 

omologazioni-4x4-appello-social-facebook-italia

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Back to top button
Close