FORMULA 1RACING CORSE SPORT AUTO

Rosberg vittoria in Brasile gran finale ad Abu Dhabi

Rosberg lancia la volata ad Hamilton conquistando il Gp del Brasile. Ad una gara dal termine, dove il punteggio assegnato sarà doppio, i due sono divisi da 17 punti. Ad Abu Dabhi, il 23 novembre, la resa dei conti finale.

F1 2014 – Il penultimo round 2014 va a Nico Rosberg che, in attesa del Gp di Abu, Dhabi porta a 17 punti lo svantaggio nei confronti del compagno/rivale Lewis Hamilton. Ad Interlagos il tedesco coglie sia la pole ma soprattutto la vittoria. Le due Mercedes hanno corso una vicinissima all’altra finché Hamilton, da vero guerriero senza a badare a freddi calcoli, ha commesso un errore al 27esimo giro perdendo la bellezza di 7 secondi nei confronti del tedesco. Un successo arrivato dopo cinque vittorie del rivale e che mancava addirittura dal Gp di Germania ad Hockenheim che di fatto lo lancia con forza verso l’ultima decisiva gara della stagione. Proprio ad Abu Dhabi incombe la nuova regola del punteggio doppio, Rosberg punterà forte su quella gara sperando di trovare alleati strada facendo ma che difficilmente li troverà visto che Hamilton, come lui, guida una Mercedes che quest’anno corre una stagione a parte. Uno strapotere che sta stracciando qualsiasi record esistente, ormai una loro vittoria o tanto meno una doppietta non fa più notizia. La Mercedes non a caso, proprio con la conquista del Gp del Brasile, ha eguagliato il record detenuto dalla McLaren di 15 successi in una stagione che resisteva dal 1989, ai tempi del duello Senna-Prost. A vincere il “Gp degli altri” invece è stata la Williams, naturalmente motorizzata Mercedes, dell’idolo di casa Felipe Massa, nonostante ne abbia combinate di tutte coloro in occasione dei pit-stop. Il brasiliano ha dapprima beccato un stop and go di 5”, per aver oltrepassato la velocità consentita nella corsia dei box, e dopo, al momento del cambio gomme, è andato lungo andando a parcheggiare la sua monoposto dinanzi al box McLaren. I problemi ai pit-stop però non sono solo stati ad appannaggio delle Williams, anche Bottas come Massa ha perso moltissimo tempo nel cambio gomme, ma anche della Ferrari in particolar modo per quella di Kimi Raikkonen, giunto settimo al traguardo. Il finlandese finalmente aveva dato tracce di se disputando un Gp all’attacco, in un circuito che gli porta bene avendovi conquistato il suo unico titolo iridato, e se non fosse stato per un problema al pit-stop, incredibilmente si è rotto il cric proprio quando i meccanici stavano sostituendo le gomme, avrebbe vinto il confronto interno con Fernando Alonso. Questa stagione da incubo per fortuna sta volgendo al termine e l’unico onore 2014 degli uomini in rosso è quello di conservare il magro quarto posto fra i costruttori dall’assalto delle McLaren, dato che il terzo è saldamente in mano alla Williams. Il verdetto finale nel week end del 23 novembre ad Abu Dhabi.gp-brasile-interlagos-mercedes-rosberg

SOMMARIO F1 2014: Numeri Mercedes link QUI – La strategia Pirelli link QUI – Ordine d’arrivo GP Brasile 2014 link QUI – Classifica piloti e costruttori link QUI – Calendario Formula 1 2014 e DISCUSSIONI sul Forum di Elaborare link QUI.

Tags

Articoli Collegati

Close