auto preparateTEST

Ford Escort RS Cosworth preparazione 678 CV

Esemplare unico della Escort Cosworth del 1995 con livrea Martini, curata in ogni particolare estetico e meccanico da Oppliger Motorsport

Una vera Escort d’autore la Ford Escort RS Cosworth da 678 CV preparata dal tuner lombardo di origini svizzere Oppliger Motorsport. Infatti questa Escort Cosworth stupisce in mille modi per la sua livrea così fedelmente identica alla Gr. A, per i suoi interni spiccatamente racing, ma soprattutto per il suo 4 cilindri sovralimentato “energizzato” e pronta per una prova speciale.
Somiglia dannatamente a quella che correva e vinceva nel Campionato Italiano Rally nelle mani di Gianfranco Cunico. Erano i primi anni ’90 e bastava dire Ford Escort RS Cosworth per vedere la gente assieparsi lungo un tornante, prima di una staccata impegnativa o dopo un dosso in una delle tante gare che allora si disputavano un po’ ovunque.

Esterni – Non so da dove iniziare per descrivere questo gioiellino. Forse potrei parlare del sound verace che esce dallo scarico laterale e che, appena lo senti, ti giri e aspetti di vedere cos’è. E quando scopri che è una Escort Cosworth da 700 CV con livrea Martini, allora faresti di tutto per provarla. Noi almeno abbiamo fatto così. Ora eccola qua, pronta sulla pitlane dell’Autodromo di Franciacorta.

Interni – Mi faccio coraggio e apro le leggerissime portiere con pannelli in carbonio. Il lavoro su questa Escort, che non so se chiamare “replica Gr.A”, è stato davvero meticoloso: Daniel, il proprietario, non ha voluto tralasciare proprio nulla! Troviamo i sedili Sparco, il volante a tre razze con badge “Martini Racing”, il cambio sequenziale e il freno a mano idraulico; poi il display AIM in mezzo al cruscotto e il piccolo tablet collegato con un modulo bluetooth alla centralina. Dietro ci sono i caschi, che all’occorrenza fanno anche da bagagliaio; infine c’è il pulsante dell’avviamento e, al suo fianco, quello per la scelta della mappa. Tutto in regola, tutto ben fatto… che spettacolo!

Assetto, freni e scarico – Per l’assetto, a parte gli alleggerimenti e l’irrigidimento del telaio ottenuto anche con il roll-bar, è stato scelto un kit inglese della Gaz, il modello Gold che si regola in altezza, compressione ed estensione. Al momento del nostro test non era ancora mai stato provato in pista, trattandosi di una delle prime uscite dell’auto. I pneumatici da 18” semislick abbracciano cerchi in magnesio bianchi, per ricordare ancora una volta la Escort Gr.A. I freni anteriori sono Tarox, con dischi da 340 mm e pinze a dieci pompanti. Al posteriore, soluzione più semplice, ci sono dei Brembo di provenienza Subaru STi. Il freno a mano originale è stato sostituito con uno idraulico più rallystico. Lo scarico, in acciaio inox, esce lateralmente dal lato destro e ha solo un piccolo silenziatore: una bomba sonora notevole!

Motore e trasmissione – Sotto c’è sempre lui, il 2 litri Cosworth originale, solo che di “originale” è rimasto ben poco: il basamento e altri dettagli. Infatti gran parte dell’elaborazione si è concentrata qui, come dimostrano i dati impressionanti della rullata: 678,7 CV e 68,2 kgm di coppia. Il preparatore ha modificato la testata con macchina a controllo numerico, ha sostituito gli alberi a camme e rimpiazzato le punterie idrauliche con quelle meccaniche. I nuovi collettori di scarico sono in acciaio inox con trattamento ceramico interno e le bielle più lunghe delle originali; inoltre si è lavorato molto per collocare i nuovi elementi nel vano motore come la turbina twinscroll BorgWarner, attorno alla quale è stato costruito uno scarico ad imbuto, che parte con diametro di 110 mm e arriva ad 80 mm: questo dovrebbe consentire di avere meno contropressioni. La trasmissione è di base quella originale, ma Colussi l’ha trasformata in un perfetto sequenziale a sei rapporti. Inutile ricordare che si tratta di una quattro ruote motrici con differenziale autobloccante anteriore e doppio giunto viscoso, centrale e posteriore. La centralina ha due mappe: massima potenza 2,2 bar (700 CV circa) e minima 1,6 bar (500 CV circa).

Scheda tuning Ford Escort RS Cosworth
Motore
Pistoni stampati
Bielle più lunghe
Albero a camme nuovo
Pompa olio alta pressione Oppliger Motorsport
Testata lavorata con macchina CNC
Bronzine trimetalliche
Punterie meccaniche
Valvole maggiorate
Collettori inox con saldature inconel wastegate Tial 44
Turbina twinscroll BorgWarner EFR 8374
Scarico completo con uscita laterale Oppliger Motorsport
Radiatore acqua maggiorato
Intercooler tipo RS500
Cassoncino aspirazione maggiorato
Corpo farfallato modificato 60 mm
Iniettori 1.200 cc
Regolatore pressione benzina
Kit aspirazione diretta
Centralina Eco Master
Pompa benzina nuova

Trasmissione
Cambio sequenziale Colussi a 6 rapporti
Volano e frizione bidisco
Semiassi anteriori rinforzati con giunti ricavati dal pieno
Differenziale anteriore autobloccante
Differenziale centrale viscoso ritarato
Differenziale posteriore viscoso ritarato

Sospensioni e freni
Assetto Gaz Gold
Boccole in poliuretano
Freni anteriori Tarox, dischi da 340 mm, pinze a 10 pompanti
Freni posteriori Brembo Subaru STi
Freno a mano idraulico
Cerchi Speedline in magnesio 8jx18”

Interni
Sedili sparco con cinture a 4 punti
Strumentazione AIM con tablet bluetooth collegato alla centralina
Roll-bar

Costo totale intervento tuning circa 35.000 Euro

L’articolo completo con tutti i dettagli, il test e i segreti della Ford Escort RS Cosworth è su Elaborare 237.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 237 Aprile 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

Tags

redazione

La Redazione di ELABORARE è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, di tecnica motoristica e del mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate dal Test Team di cui fanno parte tester/piloti che vantano una elevata sensibilità grazie ad una lunga esperienza di guida maturata su strada ed in pista dopo anni di prove realizzate anche per magazine Elaborare GT Tuning Sport Racing ed Elaborare 4x4. Dello staff fanno parte fotografi ed operati video professionali. Lo staff si avvale di strumenti di misura dedicati per i rilevamenti delle prestazioni e dei consumi.

Articoli Collegati

Guarda anche

Close