SC

Citroen C2 Supersprint

 C2 SuperSprint

La C2 Supersprint ha debuttato al My Special Car di Rimini: terminale Supersprint, livrea accattivante, cerchi da 16” e nuovi rivestimenti interni; grazie a Citroen il tuning diventa di serie!ù

Sounds good!

Cerchi in lega da16”, volante in pelle, pedaliera sportiva, una grafica aggressiva sulla carrozzeria, fanaleria posteriore trasparente e soprattutto un bel terminale a doppia uscita Supersprint… l’ennesimo esempio di soft tuning su una C2? Può darsi, ma questa volta c’è qualcosa di speciale: il “preparatore” in questione infatti è nientemeno che la Citroën! L’auto che ha debuttato allo scorso My Special Car di Rimini è una versione speciale della gamma C2 che segna sicuramente un punto di svolta almeno per chi, come noi, ha fondato la propria esistenza sul mondo del tuning. Per la prima volta, infatti, una grande Casa automobilistica decide di abbinare il suo nome a quello di uno dei più prestigiosi marchi di scarichi sportivi, la Supersprint… et voilà, il tuning diventa di serie!

C’era una volta
Facciamo un passo indietro! Una decina di anni fa se sostituivi gli ammortizzatori dell’auto con altri di tipo sportivo e disgraziatamente avevi un problema al motore, ti dicevano che la garanzia non avrebbe coperto il danno. Ma come, intervengo sull’assetto e non ho più la garanzia sul motore? Già, e

In pista

In pista

purtroppo è successo davvero! Poi lentamente le case automobilistiche hanno cominciato a capire l’importanza della personalizzazione. Nei cataloghi di autoaccessori, accanto ad improbabili portabibite o foderine per i sedili, sono cominciati a spuntare spoiler e cerchi in lega. Il passo seguente è stato quello di creare una linea sportiva vera e propria, sempre e comunque realizzata in casa. Il balzo decisivo verso il mondo del tuning lo ha fatto la Citroën, proponendo una collaborazione con la nota marca produttrice di marmitte sportive Supersprint. La Casa francese, infatti, ha montato di serie i componenti che molti appassionati di tuning installano sulla propria C2, garantendo così la sicurezza dei prodotti omologati. La versione Supersprint è un vero e proprio upgrade di VTS, per continuare ad essere la regina delle piccole sportive.

Design
Stilisticamente la C2 Supersprint si discosta per alcuni particolari che la caratterizzano in senso sportivo. Partiamo ovviamente dal terminale di scarico Supersprint, dotato di doppia uscita separata con finitura cromata, che ha richiesto anche una rivisitazione dello scudo paraurti posteriore. Sulla VTS normale, infatti, quest’ultimo è sagomato esclusivamente a destra per l’uscita del tubo di scarico, mentre in questo caso troviamo addirittura due piccoli “parafiamma” in alluminio a incorniciare le due uscite. Sempre al posteriore, l’altro elemento di spicco è rappresentato dalla nuova fanaleria, con plastica trasparente ed elementi circolari a vista. Lateralmente invece figurano i nuovi cerchi in lega da 16” con finitura bianca e logo del double Chevron in rosso, in stile tipicamente rallistico. Il vestito sportivo di questa C2 è completato dalle grafiche adesive applicate sulla carrozzeria, quest’ultima disponibile nei colori Rosso Aden, Nero Onyx e Blue Grand Pavois.

Citroen C2 Supersprint

Citroen C2 Supersprint

Interni
Anche nell’abitacolo la C2 Supersprint sfoggia alcuni particolari sportiveggianti, a partire dal nuovo tessuto che riveste la selleria. Il pomello del cambio è cromato, mentre la pedaliera in alluminio con gommini antiscivolo è la stessa delle versioni VTS. Il volante mantiene la foggia della C2 tradizionale ma è rivestito in pelle. Tutto il resto è assolutamente invariato, almeno finché non girate la chiave e avvertite distintamente il caldo sound del terminale sportivo che si fa largo negli interni, ma di questo parleremo in seguito.

Meccanica
Il quattro cilindri sedici valvole che equipaggia questa versione è identico a quello della VTS normale di cui mantiene anche il valore di potenza massima, 125 CV. In effetti l’unica differenza meccanica (anzi elettronica per essere precisi!) è la presenza del dispositivo ESP con tanto di pulsantino sul cruscotto che ne favorisce il disinserimento ma in realtà non fa altro che innalzare notevolmente la soglia d’intervento. Anche il cambio, l’assetto e l’impianto frenante non hanno subito modifiche e rimangono quelli pur molto validi delle altre C2 VTS.

Acquaplaning

Acquaplaning

In pista: Per la prova in pista ed i rilevamenti strumentali è possibile acquistare come arretrato il numero 119 di Elaborare.

C2 Supersprint
La C2 VTS Supersprint è in vendita direttamente dalla rete ufficiale Citroën con un sovrapprezzo di 850 Euro rispetto alla VTS “normale”. Queste le dotazioni extra:
Interni in tessuto sportivo
Cerchi in lega da 16”
ESP
Pomello del cambio cromato
Pedaliera sportiva in alluminio
Terminale di scarico Supersprint con uscita sdoppiata
Fanali posteriori con plastiche trasparenti
Grafiche adesive personalizzate

Citroën C2 1.6 VTS
Motore anteriore trasv., 4 cilindri in linea, 4 valvole per cilindro, cilindrata 1.587 cm³ ,due alberi a camme in testa, alesaggio x corsa 78,5 x 82 mm, rapporto di compressione 11:1, potenza 125 CV (80 KW) a 6.500 giri/min, coppia massima 143 Nm a 3.750 giri/min, iniezione elettronica
Cambio meccanico a cinque rapporti I) 3,367:1; II) 1,949:1; III) 1,366:1; IV) 1,054:1; V) 0,854:1, rapporto finale 3,759:1, frizione monodisco a secco

Drift!

Drift!

Trazione anteriore
Ruote cerchi in lega 6jx16”, pneumatici Michelin Pilot Exalto 195/45 VR16 80V
Corpo vettura berlina, 2 volumi, 3 porte, 4 posti
Sospensioni ant. a ruote indipendenti tipo Mac Pherson, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici, barra antirollio, post. traversa deformabile e barra stabilizzatrice, molla elicoidale, ammortizzatori telescopici
Freni impianto frenante a doppio circuito idraulico con servofreno, freni a disco sulle quattro ruote (ant. autoventilanti 266 mm, posteriori pieni 247 mm), antibloccaggio ABS
Sterzo a cremagliera con servocomando elettrico
Dimensioni e peso carreggiata ant. 1.439 mm, post. 1.439 mm, passo 2.315 mm, lungh. 3.666 mm, largh. 1.659 mm, alt. 1.477 mm, peso a vuoto kg 1.055, diametro sterzata tra i marciapiedi 9,60 m, capacità serbatoio 41 l, capacità bagagliaio 193/879 l
Prestazioni dichiarate vel max 202 Km/h, 0-100 Km/h 8,9 s, 0-400 m 16,5 s, 0-1000 m 30,5  s

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Guarda anche

Close