auto preparateTESTTUNINGTUNING MECCANICO

Tuning contro tuning Ford contro Mini

Elaborazione tutta cavalli e coppia o preparazione ad ampio spettro da track day? Piccola peste agile e sfrontata o energumena grande e prepotente? Ecco cosa succede all’ISAM quando due facce del tuning si scontrano in pista…
Queste vetture non hanno niente in comune, allora perché confrontarle? Per sondare il modo d’intendere l’auto e le sue elaborazioni, perché il bello del tuning è proprio l’assenza di confini e di standard. Una pratica assai democratica che lascia piena libertà, dal modello scelto come base di partenza all’elenco delle modifiche, dalle priorità da seguire alla finalità d’utilizzo. Ecco perché Riccardo si ritrova tra le mani un pugile della categoria “medio massimi” con una potenza esplosiva, degna di un peso massimo, mentre Emanuele ha scelto un peso leggero (si fa per dire) come la Mini che, pur essendo “dopata”, ha molti cavalli in meno… ma anch’essa merita un salto di categoria in virtù di un’elaborazione più articolata che non lascia nulla al caso. La prima cosa che viene in mente guardandole è Davide contro Golia, ma non è così, poiché l’esito del confronto non è altrettanto scontato e neppure nostra intenzione ricorrere a sassi e fionde per verificarlo…

Ford Focus RS e Mini Cooper SCerto è che la Mini dei nostri giorni “minuta” non lo è più… è la “custodia” nella quale si potrebbe riporre l’antenata progettata da Alec Issigonis, un oggetto di appena 617 kg con un passo di soli 2,04 metri: quella sì che con i suoi 34 CV era “Davide”, non certo questa da 300 CV che pesa il doppio e ha un passo di 2,47 metri. La Mini BMW però di agilità e di “pepe” ne ha da vendere e questo rende onore alla mitica capostipite. Con le dovute proporzioni, anche la RS si difende bene sul piano della guidabilità, considerando che Focus è nata come auto di famiglia, salvo poi essere elaborata radicalmente dalla Casa, sia a livello estetico che prestazionale, proprio per scrollarsi di dosso quell’immagine di vettura mansueta e fedele compagna dei weekend. Entrambe le auto sono turbocompresse ma la Mini è più al passo coi tempi, perché sfoggia una cubatura downsizing di soli 1,6 litri che fa sembrare il 5 cilindri di 2,5 litri un vecchio dinosauro: cattivo quanto vuoi, ma anche famelico di combustibile! Ambedue le vetture non sono pensate per uomini in giacca e cravatta, ma neppure la tipologia di cliente sportivo le accomuna. Di diversità ne potete trovare quante ne volete, persino senza farle uscire dal garage, poiché una paga 400 Euro di bollo e l’altra il doppio! E’ una follia confrontarle in pista? Non direi, visto che nei track day non c’è traccia di razzismo, proprio come nel tuning. La Focus RS punta tutte le sue carte su un motore bomba, contando sulla sportività di base del resto; la Mini Cooper S invece, con passo e peso a proprio vantaggio, non trascura alcun comparto, confidando nel fatto che in pista la coralità delle prestazioni ripaga sempre.

Ford Focus RS e Mini Cooper SScheda tuning Ford Focus RS
Turbina Garrett 30-76 con scarico Tial by ProtoXide 1.840
Wastegate esterna TiAl 44 mm by ProtoXide 560
Pop-off scarico esterno TiAl 50 mm by ProtoXide 450
Iniettori maggiorati Bosch da 750 cc 800
Centralina aggiuntiva Dastek Unichip Q+ con pilotaggio diretto wastegate 580
Modulo iniettori Dastek Intelligent Drive 250
Collettori di scarico inox by Area 51 650
Down pipe e scarico inox da 70 mm by Area 51 280
Terminale di scarico Tubi Style doppio da 120 mm 1.200
Collettori aspirazione Montune 775
Airbox Montune 220
Filtro a pannello K&N 85
Manicotti silicone blu 240
Intercooler maggiorato Forge 790
Radiatore acqua maggiorato 760
Radiatore olio PumaSpeed 580
Strumentazione PLX (wide band, EGT, pressione turbo) 650
Tubi freno aeronautici 140
Pastiglie Freno Brembo sinterizzate 190
Pinze freno verniciate rosso e personalizzate N.D.
Cerchi OZ Ultraleggera 8,5jx 19” ET 60 con Pneumatici Marangoni M-Power 235/35 ZR19 1.400
Manodopera complessiva con messa a punto elettronica 2.400
Totale 14.840
Prezzi in Euro IVA compresa

Scheda tuning Mini Cooper S
Turbocompressore Garrett T28 ibrido su cuscinetti
Scarico Milltek completo in acciaio diametro 63,5 mm con catalizzatore metallico 200 celle
Alberi a camme Dr.Schrick
Filtro aria JCW
Intercooler maggiorato +30%
Modifica pompa alta pressione
Riprogrammazione centralina elettronica
Valvola pop-off scarico esterno HJS
Frizione rinforzata
Differenziale autobloccante Quaife
Assetto Bilstein PSS10
Impianto frenante JCW originale
Kit estetico JCW

Il resto dell’elettrizzante test sfida tra Ford Focus RS e Mini Cooper S è su Elaborare 179.

Copertina Elaborare 179

Tags

Articoli Collegati

Back to top button
Close