Auto Sportive

Nuova Seat Leon ST: tutto lo spazio che vuoi

L’idea di un’auto “allungata”, station wagon, solitamente non si sposa con la sportività e con il dinamismo intrinseco di un’auto più cattiva, ma la Seat ha lavorato sodo per permettere ugualmente questa associazione di idee. E’ così nata la Seat Leon ST.

seat-leon-st-4

ST vuol dire Sport Tourer, e per Seat potrebbe essere quasi come una dichiarazione d’intenti. Così la Seat Leon ST si mostra come un’auto che riesce a fondere il design sportivo e dinamico ad un’elevata utilità, rappresentata, ad esempio, dall’ampio bagagliaio da 587 litri.

seat-leon-st-3

La silhouette della ST ha linee tese e ben definite, che riescono a produrre un effetto di luci ed ombre tale da suscitare emozione in chi la osserva. A tal proposito è interessante la dichiarazione di Alejandro Mesonero-Romanos, Responsabile Design SEAT, che dice: “La linea del tetto segue praticamente a quella della versione cinque porte; appena leggermente più tesa verso il posteriore. Se il passo rimane invariato, i 27 cm in più della carrozzeria regalano alla vettura un bagagliaio capiente, degno di una grande station wagon”.

seat-leon-st-5

L’idea di spazio è stata accentuata proprio grazie all’allungamento della carrozzeria, che ha “ingigantito” il bagagliaio e l’ha reso forte di un volume di 587 litri, che possono arrivare fino ad un massimo di 1.470 abbattendo i sedili. Internamente si è dato molto peso, invece, all’ergonomia: allora spazio solo ai pulsanti necessari, posizionati nel modo più naturale possibile, ad una plancia estremamente funzionale, ai comandi intuitivi del climatizzatore ed alla strumentazione con grandi e ben leggibili quadranti. Tutto questo aiuterà il guidatore ad essere maggiormente concentrato sulla guida, evitando distrazioni inutili.

seat-leon-st-1

Dal punto di vista tecnico la Leon ST vanta un telaio particolarmente leggero, solo 1.233 kg con l’allestimento base, che permette di avere anche consumi particolarmente bassi.
MOTORI – Proprio all’efficienza puntano i propulsori TDI e TSI, con cubature comprese tra 1,2 e 2 litri e potenza tra 86 e 184 cavalli.
ASSETTO – Interessante è l’adozione del Seat Drive Profile con la regolazione adattiva dell’assetto (DCC), che permette al guidatore di scegliere la variazione della risposta del volante, del cambio e del motore.

seat-leon-st-2

Tags

Articoli Collegati

Guarda anche
Close
Back to top button
Close