CRONACAFisco-NormativaGT Motorsport Tuning

+ Tasse sui carburanti = – Incassi per il Fisco

2013 CALANO I CONSUMI DI CARBURANTE – Nell’anno appena trascorso il gettito fiscale dai carburanti è sceso di circa 1 miliardo di euro, di cui oltre 400 mila di sole accise, mentre l’industria petrolifera ha perso oltre l’11% degli introiti.
Il continuo aumento delle tasse sui carburanti ha costretto gli Italiani a lasciare a casa auto e moto in favore dei mezzi pubblici e del Car sharing, settore questo in continua espansione. Tra gennaio e novembre 2013, rileva l’Unione Petrolifera, i consumi petroliferi in Italia sono scesi del 5,5% e quelli di carburanti del 3,7%.

VENDITE IN CALO IMPOSTE CHE AUMENTANO – Anche durante il periodo delle feste natalizie si è registrato un andamento negativo delle vendite e nonostante questo tra il 2014 e il 2017 sono previste maggiori imposte per 1,3 miliardi di euro: 1,07 di accise e 237 milioni di relativa IVA.
Già a partire dal 1° marzo 2014, ci saranno nuove accise sulla benzina e sul gasolio a causa di un rincaro stabilito dal decreto del fare (DL 69/2013).
Con il passaggio dell’Iva dal 21 al 22% e con l’aumento dell’accisa su benzina (da 728.4 a 730.8 su 1000 litri) e su gasolio (da 617.4 a 619.8 su 1000 litri) il calo dei i consumi non è andato ad arrestarsi, con un calo previsto per il 2014 del tutto simile a quello del 2013.

TASSE SUI CARBURANTI PIU’ CARE D’EUROPA – Secondo i dati del Centro Studi Promotor, i primi di dicembre 2013 la benzina italiana era la più cara della Unione Europea con un prezzo alla pompa di 1,726 euro al litro e con una differenza rispetto al prezzo medio della UE di ben 27,4 centesimi.

COLPA SOLO DEL FISCO? – Secondo il CSP la colpa è da addossare principalmente al Fisco ma anche l’industria petrolifera e la distribuzione non sono da meno tenendo i prezzi troppo alti. Le vendite di carburanti sono destinate a calare ulteriormente, mettendo così in ginocchio le gestioni degli impianti italiani, che per oltre il 50% sono indebitate. A fine anno circa la metà delle stazioni di carburante rischieranno di chiudere a causa dell’andamento negativo del mercato.

Marco Paternostro

Passione per il mondo dell'Auto, la Fotografia e l'informatica.

Articoli Collegati

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare