!GT Motorsport TuningFisco-Normativa

Multa nulla se l’autovelox è imboscato

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=W5RdedvDv-s[/youtube] Gli autovelox devono essere ben segnalati. Lo dice la legge stessa. E quando un autovelox è imboscato e non debitamente segnalato allora si può fare ricorso alla multa. A Vasto il giudice di pace ha imposto che è il comune a dover dimostrare che l’apparecchio sia visibile (Vasto con la pronuncia 287/13).
Ci sono stati altri casi nei quali l’automobilista dopo la sanzione elevata su una Statale dall’apparecchio Velomatic 512 ha ottenuto l’annullamento del verbale di multa.
“A parere del gdp, con la riforma introdotta dal dl 117/07, il legislatore ha introdotto il principio secondo cui deve essere ben visibile la postazione che rileva in modo automatico la velocità dei veicoli: ogni utente della strada ha dunque diritto ad avere conoscenza immediata dell’accertamento eseguito. All’eccezione proposta dal conducente multato, secondo cui l’autovelox sarebbe nascosto ai veicoli in corsa, il Comune deve fornire prova contraria: non basta affermare di aver rispettato le disposizioni in base alle quali bisogna esporre almeno un cartello che segnala il rilevamento elettronico. Affermazioni come queste, chiarisce il giudice di pace, non sono assistite da fede privilegiata, nonostante provengano dalla polizia municipale”.

Se chi ha installato la postazione mobile dell’Autovelox non riesce a dimostrare che l’esistenza della postazione fosse effettivamente percepibile da tutti i conducenti, la multa è annullata.
Vignettajpg

Leggi anche:
– Abuso dell’Autovelox link QUI
– Altre news relative all’AUTOVELOX link QUI

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare