RACING CORSE SPORT AUTO

Rombo di Tuono!

A tu x tu con Paolo Andreucci, pluricampione italiano rally su Peugeot.

“A bocce ferme” (come si suol dire), prima di accendere i motori e di buttarsi nel nuovo campionato italiano, siamo andati a trovare Paolo Andreucci, superstar dei rally italiani e mondiali. Le cose che vogliamo scoprire non sono i soliti pettegolezzi che girano e interessano solo l’ambiente delle corse. Per noi  (—-Il resto dell’emozionante intervista a Paolo Andreucci è su Elaborare 181–LINK QUI –).

Paolo Andreucci su Peugeot 207 S2000  Quando è nata in te la passione per il volante? E come?
PA. All’età di 12 anni, quando andavo in macchina con Dario Cerrato. È stato un colpo di fulmine rallistico. Dario, quando provava il rally del Ciocco, veniva a mangiare al ristorante dei miei genitori a Castelnuovo Garfagnana. Lì abbiamo fatto amicizia e mi ha portato a fare un giro sul suo muletto, una Opel Kadett GTE già in  (—-Il resto dell’emozionante intervista a Paolo Andreucci è su Elaborare 181–LINK QUI –).

Paolo AndreucciQuali sono stati i primi piloti, le prime gare e le prime auto che ti hanno conquistato?
PA. Del primo vi ho già parlato. Un altro grande pilota importante nella mia vita, con una sensibilità eccezionale, è stato Riccardo (—-Il resto dell’emozionante intervista a Paolo Andreucci è su Elaborare 181–LINK QUI –).

Chi ti ha insegnato a guidare le auto da rally?

PA. Riccardo Trombi è stato il mio maestro, mi ha insegnato tutto e mi ha accompagnato per i primi anni. Per me è stata una fortuna conoscerlo perché..(—-Il resto dell’emozionante intervista a Paolo Andreucci è su Elaborare 181–LINK QUI –).

Paolo Andreucci su Peugeot 207 S2000  Paolo Andreucci

Il resto dell’emozionante intervista a Paolo Andreucci è su Elaborare 181.

Copertina Elaborare 181

Tags

Articoli Collegati

Close