FORMULA 1RACING CORSE SPORT AUTO

Formula 1 risultati gran premio [ungheria]

Nel gran premio d’ungheria di Formula 1 Hungaroring vince Hamilton su McLaren-Mercedes.Straordinarie le Lotus, Alonso è quinto. Lewis Hamilton ha dominato il GP D’ungheria (dalle libere alle qualifiche) davanti alle due Lotus di Raikkonen e Grosjean che hanno fatto una grandissima gara. Al quarto posto lo scatenato Vettel mentre Alonso si accontenta del quinto posto per consilidare la leaderhsip nel mondiale. Button è stato penalizzato dai meccanici Mclaren altrimenti Alonso finirebbe sesto.

TUTTO SULLA FORMULA 1 AGGIORNAMENTI QUI 

I primi commenti sulla rete: “Una caxxata colossale del muretto McLaren!!! E per poco ci si metteva anche la Red Bull con Vettel… ma a cosa stavano pensando? 10 giri appena con le soft dietro a Bruno Senna, pazzesco!!!” e poi ancora: 
La Mclaren non era in crisi a Silverstone, era solo in un momento no come quello della Ferrari oggi, quindi gli aggiornamenti in realtà hanno influito poco sul ritorno prepotente della scuderia inglese, come non ci credo che la Lotus ha sopravvanzato (in competitività) la Ferrari”. 

All’Hungaroring sono stati disputati 69 giri sulla lunghezza di 4,3 km ed un totale di gara di  296.7 km. Il giro record lo fece  M Schumacher nel 2004 in 1:19.071. Oggi il miglio tempo lo ha fatto registrare Sebastian Vettel con la Red Bull Racing-Renault in 1:24.136

Tutti i risultati del gran premio corso oggi in Ungheria e la classifica piloti formula 1 2012 aggiornata

ORDINE DI ARRIVO FORMULA 1 HUNGARORING 2012

PoS

PILOTA

Team

Laps

Time/Retired

Grid

Pts

1 4 Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 69 1:41:05.503 1 25
2 9 Kimi Räikkönen Lotus-Renault 69 +1.0 secs 5 18
3 10 Romain Grosjean Lotus-Renault 69 +10.5 secs 2 15
4 1 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 69 +11.6 secs 3 12
5 5 Fernando Alonso Ferrari 69 +26.6 secs 6 10
6 3 Jenson Button McLaren-Mercedes 69 +30.2 secs 4 8
7 19 Bruno Senna Williams-Renault 69 +33.8 secs 9 6
8 2 Mark Webber Red Bull Racing-Renault 69 +34.4 secs 11 4
9 6 Felipe Massa Ferrari 69 +38.3 secs 7 2
10 8 Nico Rosberg Mercedes 69 +51.2 secs 13 1
11 12 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 69 +57.2 secs 10
12 11 Paul di Resta Force India-Mercedes 69 +62.8 secs 12
13 18 Pastor Maldonado Williams-Renault 69 +63.6 secs 8
14 15 Sergio Perez Sauber-Ferrari 69 +64.4 secs 14
15 16 Daniel Ricciardo STR-Ferrari 68 +1 Lap 18
16 17 Jean-Eric Vergne STR-Ferrari 68 +1 Lap 16
17 20 Heikki Kovalainen Caterham-Renault 68 +1 Lap 19
18 14 Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 67 +2 Laps 15
19 21 Vitaly Petrov Caterham-Renault 67 +2 Laps 20
20 25 Charles Pic Marussia-Cosworth 67 +2 Laps 21
21 24 Timo Glock Marussia-Cosworth 66 +3 Laps 22
22 22 Pedro de la Rosa HRT-Cosworth 66 +3 Laps 23
Ret 23 Narain Karthikeyan HRT-Cosworth 60 Steering 24
Ret 7 Michael Schumacher Mercedes 58 Technical 17

 

Strategie nel cambio gomme Hungaroring
Il pilota McLaren Lewis Hamilton ha utilizzato una strategia a due soste per vincere l’ultima gara prima della pausa estiva. I primi dieci piloti hanno iniziato la gara montando i P Zero Yellow soft, soluzione nominata in Ungheria insieme ai P Zero White medium.
Mark Webber su Red Bull è stato il pilota più alto in classifica a partire con gomme medie, dopo essersi qualificato 11° ed aver finito la gara in ottava posizione. Stessa scelta di mescole per i due piloti della Marussia e per l’ HRT di Pedro de la Rosa, allo start con gomme medie.
Hamilton, in testa sin dall’inizio, ha effettuato la prima sosta al 18° giro cedendo la posizione a Romain Grosjean, partito secondo, per poi riconquistare subito dopo il vantaggio quando il francese si è fermato per il suo pit stop. L’inglese ha montato il suo ultimo set di gomme medie al 40° giro, lasciando per poco a Raikkonen la testa della gara. Il finlandese è stato protagonista di un secondo stint di 25 giri con gomme morbide davvero intenso, durante il quale ha sorpassato tre monoposto, finendo al secondo posto davanti al suo compagno di squadra Grosjean. A 20 giri dalla fine e con un set fresco di P Zero White medium, Raikkonen si è lanciato all’inseguimento di Hamilton, dando vita ad un finale emozionante.
Romain Grosjean ha concluso la gara al terzo posto. I piloti saliti a podio hanno tutti optato per una strategia a due soste; ma, mentre Hamilton ha corso uno stint con le morbide e due con le medie, entrambi i piloti Lotus hanno effettuato uno stint con le medie e due con le morbide.
Sebastian Vettel, su Red Bull, è stato il pilota più alto in classifica ad utilizzare una strategia a tre pit stop, finendo quarto e facendo registrare il giro più veloce con i P Zero Yellow soft.
La stessa strategia è stata scelta da Jenson Button, McLaren, e Mark Webber, Red Bull, che hanno finito la gara rispettivamente sesto e ottavo.
Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: “A causa delle condizioni meteo incerte avute sino ad oggi, le squadre non avevano sufficienti dati circa il comportamento delle gomme soft in gara con pieno di carburante. Il degrado per entrambe le mescole è stato buono, con appena pochi decimi di differenza sul giro tra le gomme morbide e medie. Ciò ha dato ai Team una serie di opzioni in termini di strategia e ha permesso loro di adottare un approccio flessibile. La prestazione di Lewis Hamilton in qualifica gli ha consentito di salvare un set di gomme morbide per la gara; il pilota inglese è stato bravo a sfruttare questo vantaggio anche se ha dovuto lottare per conservarlo fino alla fine. Come al solito abbiamo visto che sorpassare sul circuito stretto dell’Hungaroring è molto difficile, e ciò ha spinto le squadre ad usare la strategia dei pit stop per guadagnare posizioni sui rivali. La varietà di strategie ci ha regalato ancora una volta un finale di gara molto emozionante, nonostante il fatto che duelli serrati tra le monoposto tendono ad aumentare l’usura dello pneumatico. La prima parte del campionato è stata davvero intensa, con gare mai così serrate, dove le gomme hanno sicuramente fatto la differenza, quindi stiamo già guardando avanti alla seconda metà dell’anno”.
 

Classifica campionato costruttori:
1. Red Bull-Renault 246; 2. McLaren-Mercedes 193; 3. Lotus-Renault 192; 4. Ferrari 189; 5. Mercedes 106; 6. Sauber-Ferrari 80; 7. Williams-Renault 53; 8. Force India-Mercedes 46; 9. Toro Rosso-Ferrari 6

Classifica Mondiale Piloti aggiornata al GP Ungheria 2012

Pos Pilota Tot
1 F. Alonso 129
2 M. Webber 116
3 S. Vettel 100
4 L. Hamilton 92
5 K. Raikkonen 83
6 N. Rosberg 75
7 R. Grosjean 61
8 J. Button 50
9 S. Perez 39
10 P. Maldonado 29
11 P. di Resta 27
12 Schumacher 23
13 F. Massa 23
14 K. Kobayashi 21
15 B. Senna 18
16 N. Hulkenberg 17
17 J.E. Vergne 4
18 D. Ricciardo 2
19 H. Kovalainen 0
20 V. Petrov 0
21 T. Glock 0
22 C. Pic 0
23 Karthikeyan 0
24 De la Rosa 0

Guarda anche il CALENDARIO FORMULA 1 2012 QUI LINK

© Riproduzione Riservata

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4×4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell’anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n’è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati