autoAUTOSTORICHE EPOCAMovie & Music

FRECCE d’ARGENTO il mito torna in DVD HD

Da Dicembre 2013 sarà disponibile su DVD e Blu-Ray “Magical Moments. Il ritorno delle Frecce D’argento”, una serie TV di 500 minuti che racconta i miti Mercedes nelle competizioni.

300 SLR Rennsportprototyp

Pensando alla storia dell’automobilismo sportivo del XX secolo è impossibile non soffermarsi con la mente sulle Frecce D’Argento, uno dei capitoli più importanti e vittoriosi del motorsport firmato Mercedes-Benz. A questo mito è dedicata una serie televisiva di 10 puntate, per un totale di 500 minuti, prodotta da Cassian von Salomon.
La regia è di Saskia Weisheit e, con la collaborazione dell’autore Florian Dennert e della casa di produzione Cas-Film, sono stati recuperati filmati storici e sono state riprodotte scene ex-novo, mantenendo la massima fedeltà storica (re-enactment). Il tutto sarà disponibile su DVD e Blu-Ray a partire da Dicembre 2013.
Perchè si chiamano Frecce d’Argento? Quando Alfred Neubauer per problemi regolamentari di sovrappeso fece eliminare la vernice della carrozzeria dalle vetture per poter raggiungere il peso richiesto: in questo modo viene fuori l’alluminio delle scocche ed ha inizio la leggenda delle “Frecce d’Argento”.
Frecce d’argento
(in tedesco Silberpfeil) è la denominazione attribuita alle automobili da corsa delle case automobilistiche tedesche Mercedes-Benz e Auto Union contraddistinte dalla carrozzeria di colore argenteo, che dominarono il Campionato europeo di automobilismo tra il 1934 e il 1939. Il termine Frecce d’argento è stato utilizzato anche nel dopoguerra dalle vetture Mercedes-Benz di Formula Uno e “sport” dei primi anni cinquanta. Negli ultimi tempi è stato usato anche per le McLaren di F1 spinte da motore Mercedes e per le Mercedes GP oltre che per le Audi Le Mans Prototype.

 

Magic-moments-frecce-d'argento-3    Magic-moments-frecce-d'argento-7

Michael Bock, Responsabile di Mercedes-Benz Classic Center spiega che “Mercedes-Benz Classic non ha soltanto messo a disposizione le vetture della propria collezione per questa produzione TV, ma ha contribuito e, di fatto, reso possibile il progetto anche concedendo l’accesso ai propri archivi ed al Mercedes-Benz Classic Center, un’autentica miniera di informazioni, perché la nostra filosofia non è volta unicamente a preservare la tradizione ed il mito di Mercedes-Benz, ma anche a renderli accessibili ad un pubblico il più vasto possibile”. Tra i tanti filmati storici sono interessanti quelli attinti dal “materiale Monkhouse”: George Monkhouse, dipendente della Kodak, riprese delle gare automobilistiche su pellicola a colori, in un periodo che, ricordiamolo, era tutto in bianco e nero. Tutto questo si tramuta in un’anteprima assoluta per il pubblico.

Mercedes-Benz Typ SS Sportwagen aus dem Jahr 1928; Mercedes-Benz

Per permettere la realizzazione di questo capolavoro c’è stato bisogno di 200 giorni di montaggio ed un anno di produzione in vari paesi, piloti e collaboratori di Mercedes-Benz Classic, fino a 12 telecamere HD usate in contemporanea, droni e tcniche speciali per gli slow motion, telecamere da dito per le immagini dei cockpit ed, ovviamente, tutti i filmati storici dell’archivio.

Magic-moments-frecce-d'argento-4

Le vetture sono iconiche, perchè si parte da una Mercedes Simplex 18/28 HP, introdotta nel 1904, fino ad arrivare ad una Mercedes-Benz 300SLR Coupè della stagione 1955.

Magic-moments-frecce-d'argento-6

Magic-moments-frecce-d'argento-5

 

FRECCE d’Argento STORIA

Nel 1934 l’Associazione Internazionale degli Automobile Club (AIACR) annuncia una nuova formula che limita il peso delle vetture a 750 kg senza restrizioni sulle dimensioni del motore e che porta la lunghezza minima di una gara a 500 km. La Germania di Hitler sponsorizza due team per partecipare a questa formula Auto Union e Mercedes, elargendo 450.000 marchi ad ognuna delle due scuderie più premi speciali in caso di risultati positivi; la cifra può sembrare elevatissima ma riesce solo in parte a coprire le faraoniche spese alle quali andavano incontro i team. L’impegno economico annuo della Mercedes per poter competere si aggirava infatti attorno ai quattro milioni di marchi! In Alfred Neubauer trovano comunque la persona in grado di far fruttare al meglio le loro finanze. Inoltre queste due grandi squadre, con l’ausilio di nuovi materiali più leggeri, riescono ad equipaggiare le proprie vetture con motori da 4 litri anziché da 2 come accade per le altre scuderie. Entrambi i team hanno costruito le vetture più veloci del momento, sebbene lo scopo delle nuova formula fosse quello di limitare le velocità! Il responsabile del settore design della Mercedes, Dr. Hansel Nibel, progetta una vettura con un telaio convenzionale, sul quale applica tutta una serie di tecnologie innovative; diversamente l’Auto Union (cooperativa di quattro marchi Horch, Audi, Wanderer e DKW) – sceglie una strada più radicale per lo sviluppo della propria vettura da Gran Premio, la Tipo A. Progettata dal Dr. Ferdinand Porsche, questa vettura con motore centrale vede il pilota seduto molto in basso e in avanti e monta un v16 da 4,4 litri sovralimentato che funziona grazie ad uno speciale carburante la cui formula viene tenuta nel più rigoroso segreto. I fumi di scarico sono talmente forti che più di un meccanico viene colto da nausea e mal di testa! La vettura, come quella della Mercedes, monta sospensioni indipendenti sulle 4 ruote, un sistema derivato dal brevetto di De Dion per aumentare la maneggevolezza in presenza di buche o nella percorrenza di curvoni veloci.
FRECCE D’ARGENTO IN PISTA – Entrambe le vetture vengono portate sul tracciato di Avus, vicino a Berlino, per le prove, durante le quali la Mercedes ha un problema al carburatore ed è costretta alla sosta lasciando in pista le sole tre Auto Union che sfilano davanti ad una folla di ben 200.000 spettatori giunti solo per vedere le prove: la promessa, neanche tanto celata, è quella di stare davanti alla famigerata Alfa di Guy Moll e Chiron! Due settimane più tardi le macchine tedesche assaggeranno la loro prima vittoria. LA GARA – Il Gran Premio del Nurburgring vede infatti una Mercedes al primo posto ed una Auto Union al secondo. Prima dell’inizio della gara, però, scoppia il caso: le Mercedes pesano 1 kg oltre al consentito! Box Mercedes Seguendo il consiglio di von Brauchitsch, Alfred Neubauer fa togliere la vernice alle vetture per poter raggiungere il peso richiesto: in questo modo viene fuori l’alluminio delle scocche ed ha inizio la leggenda delle “Frecce d’Argento”. Le vetture tedesche cominciano la loro scalata al successo. Più tardi, in quello stesso anno, l’Auto Union di Hans Stuck vincerà i Gran Premi di Germania e Svizzera, mentre la Mercedes di Caracciola vincerà il Gran Premio d’Italia e quella di Fagioli la corsa di Spagna. Nel 1935 sia Mercedes che Auto Union proseguono negli sviluppi con quest’ultima che sostituisce, alla molla della sospensione posteriore una innovativa sospensione a barra di torsione; entrambi i motori vengono aumentati tanto che l’Auto union schiera un potente 4950cc a 375 cavalli e la Mercedes risponde con un 3990cc che sviluppa la bellezza di 430 cavalli. Ma l’Alfa Romeo non sta a guardare e, per quella stagione, sviluppa una potentissima vettura a due motori dell’astronomica – per quei tempi – potenza di 540 cavalli: è la famosa Bimotore! Costruita dalla Scuderia Ferrari di Modena, questa vettura è concepita per circuiti ultraveloci come quello di Avus ma il suo tallone d’Achille sono i pneumatici enormi che è costretta a montare e il consumo veramente esagerato. Viene varato un Campionato Europeo che va subito a Rudolf Caracciola con le vittorie in Belgio, Svizzera e Spagna. Caracciola vincerà ancora il titolo nel 1937 e nel 1938 mentre sarà di Bernd Rosemeyer nel 1936. Le vetture tedesche dominano le corse e gli unici due piloti che riescono a vincere qualche gara sono Nuvolari e Chiron; le scuole francesi ed italiana si rifanno in questi anni nella formula riservata alle vettura da 1.500cc. Nella Formula principale, una delle vittorie di una scuderia non tedesca avviene, ironia della sorte, proprio al Gran Premio di Germania.
(Tratto da Formula1News e Tradotto da: www.ddavid.com)

Tags

Articoli Collegati

Guarda anche

Close