!GT Motorsport TuningCRONACAFisco-NormativaLEGGI DECRETI EMENDAMENTI

“Operazione” tuning o “omologazione” tuning?

controlli pneumatici polizia (6)ITALIA NO OMOLOGAZIONI  – Il punto è questo. In Italia qualsiasi modifica alla caratteristiche costruttive (impiego di pneumatici di misure maggiorate, installazione di appendici aerodinamiche, utilizzo di assetti sportivi ecc) da sempre è dovuta passare al rilascio di un Nulla Osta della Casa Costruttrice, al 90% mai concesso (vedi art.78).
Negli anni sono nate tantissime discussioni sull’argomento (di cui Elaborare si è fatta anche portavoce anche in sedi istituzionali) e sul fatto che questa impossibilità di regolarizzare determinate “modifiche” presso la Motorizzazione, annotandole sulla carta di circolazione a seguito di un collaudo, ha sempre comportato un danno economico per tutti, con un mercato potenzialmente elevato ed un giro economico importante. Aziende produttrici di accessori (le italiane esportano in tutto il mondo) ed officine meccaniche potrebbero finalmente risollevare le proprie sorti se si sciogliesse il nodo di questa matassa.  Un paio di Decreti a partire dal 2009 hanno aperto la strada e tentato di risolvere il problema “omologazioni tuning” con grandissimo ritardo. Col Decreto Sviluppo 2012, entrato in vigore l’11 agosto 2012, non sarebbe più necessario il nullaosta della casa costruttrice per apportare modifiche, anche sostanziali, a un veicolo.
Decreto Sviluppo 2012: “3-bis. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti stabilisce con propri decreti norme specifiche per l’approvazione nazionale dei sistemi, componenti ed entita’ tecniche, nonche’ le idonee procedure per la loro installazione quali elementi di sostituzione o di integrazione di parti dei veicoli, su tipi di autovetture e motocicli nuovi o in circolazione. I sistemi, componenti ed entita’ tecniche, per i quali siano stati emanati i suddetti decreti contenenti le norme specifiche per l’approvazione nazionale degli stessi, sono esentati dalla necessita’ di ottenere l’eventuale nulla osta della casa costruttrice del veicolodi cui all’articolo 236, secondo comma,del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, salvo che sia diversamente disposto nei decreti medesimi”.
E’ stato poi successivamente emesso un Decreto per regolarizzare le modifiche agli impianti frenanti  ed un secondo Decreto recente per le ruote. In realtà questi decreti non hanno mai portato alla soluzione del problema come invece affrontato in Germania. Ci provò anche Bersani.

GERMANIA SI OMOLOGAZIONI pag 3

Pagina precedente 1 2 3 4Pagina successiva

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo e nei monomarca Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate ce n'è una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di ELABORARE ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Elaborare